giovedì 2 dicembre 2021

Real Madrid 2020/21: pareggio di bilancio con le plusvalenze.

 


Luca Marotta

 

jstargio@gmail.com

 

Il Bilancio 2020/21 del Real Madrid evidenzia un fatturato netto senza plusvalenze (“Ingresos de Explotación (antes enajenación inmovilizado)”) di 652,9 milioni di Euro; mentre, nel 2019/20 era pari a 714,9, milioni di Euro. Il decremento registrato rispetto all’esercizio precedente è stato del 8,66%. Si aggiunga, di conseguenza, che il club madrileno ha superato per il decimo anno consecutivo la barriera dei 500 milioni di Euro di fatturato netto e per la sesta volta consecutiva quella dei 600 milioni di Euro. L’esercizio 2020/21 si è chiuso con un risultato di sostanziale pareggio con un utile lordo di € 1.739.000 (€ 1.851.000 nel 2019/20) e o con un utile netto di 874 mila Euro (€313 mila nel 2019/20), che segna un. A causa della pandemi Covid-19 il Real Madrid ha disputato tre partite casalinghe della stagione sportiva 2019/20 nel mese di luglio 2020, che hanno generato ricavi per diritti TV che sono stati conteggiati nel bilancio 2020/2021.

La Posizione finanziaria Netta è positivo per Euro 41.440.000 nell’esercizio precedente a causa degli investimenti per la ristrutturazione dello stadio era negativa per €117.794.000.

Gli Amministratori hanno evidenziato che il Real Madrid sarà uno dei pochi grandi club in Europa a non subire perdite, nei due esercizi affetti dalla crisi pandemica, poiché, secondo uno studio della UEFA, le perdite operative accumulate dai club europei tra il 2019/20 e il 2020/21 saranno vicine ai 6 miliardi di euro.

Gli effetti della crisi sanitaria causata dalla COVID-19, iniziata nel marzo 2020, si sono estese a tutto l'esercizio 2020/21, durante il quale tutte le partite sono state disputate a porte chiuse.

Questo ha portato a una perdita di ricavi, soprattutto nello stadio, dato che non ci sono registrati ricavi da stadio, in conseguenza dell’assenza di pubblico alle partite.

Delle riduzioni di ricavi si sono verificate anche nei ricavi per diritti televisivi, sia della Liga che della UEFA, e nelle attività commerciali, sia nella gestione delle strutture che nelle vendite al dettaglio e nelle sponsorizzazioni

La perdita de ricavi che il Rea Madrid ha subito complessivamente nelle sue linee di business da marzo 2020 al 30 giugno 2021 si avvicina ai 300 milioni di euro, a cui va aggiunta la perdita di nuovi ricavi che si sarebbero potuti ottenere se la pandemia non fosse esistita.

Il Real Madrid ha fatto fronte alla perdita dei ricavi con l'attuazione di intense misure di risparmio dei costi in tutti i settori, tra cui il Piano di risparmio sui costi dei giocatori, che ha determinato nel 2020/21 la mancanza di acquisizioni e l’effettuazione di cessioni di giocatori, con il conseguente impatto sia sulle plusvalenze di trasferimento che sui risparmi sui costi.

Inoltre è stata realizzata la Riduzione della massa salariale sia nel 2019/20 che nel 2020/21, i membri delle squadre di calcio e di basket della prima squadra e i dirigenti chiave hanno accettato di ridurre volontariamente la loro remunerazione annuale del 10%.

Da marzo 2020 a Giugno 2021 è stato realizzato un Piano di risparmio dei costi operativi.

Sono diminuiti i costi associati alla perdita di ricavi, inoltre il Club ha attuato un piano di risparmio dei costi relativi alle diverse attività e servizi appaltati, che ha portato a un'ulteriore riduzione delle spese.

Per far fronte all’impatto sulla liquidità derivante dalla perdita di ricavi, a causa della pandemia COVID-19, il club ha fatto ricorso all’indebitamento. Il Real Madrid ha ottenuto finanziamenti bancari a lungo termine nei mesi di aprile e maggio 2020, per 205 milioni di Euro, di cui 155 milioni di euro corrispondono a quattro prestiti con scadenza 5 anni e 50 milioni di euro corrispondono a un politica del credito con scadenza 3 anni. Le operazioni sono state formalizzate in autonomia con i cinque enti bancari nazionali con cui opera il club e sono avallate dall' “Instituto de Crédito Oficial (ICO)” all'interno della linea approvata dal Governo per facilitare la liquidità delle società. Durante l'esercizio 2020/21, e in conformità con il RDL 34/2020 del 17 novembre, il Club ha esteso la scadenza dei prestiti di 1 anno.

Al 30 giugno 2021, il club ha un patrimonio netto di 534 milioni di euro, disponibilità liquide per 122 milioni di euro (esclusa la liquidità legata al progetto di ristrutturazione dello stadio) e ha linee di credito a lungo termine per operare nel 2021/22.

Il contributo del Real Madrid alle entrate fiscali e previdenziali della Spagna nel 2020/21 è stato di 242,9 milioni di euro.

Dal punto di vista sportivo, nel 2020-2021 il Real Madrid in Liga è giunto secondo con 84 punti. Il 14.01.2021 il Real Madrid ha perso nella Semifinale della Supercopa de España 2021. Nella UEFA Champions League 2020/21 Madrid ha perso nella Semifinale ad opera del Chelsea, e in ‘Copa del Rey’ è stato eliminato il 20.01.2021 ai sedicesimi dalla Club Deportivo Alcoyano.

Nella stagione sportiva 2019/20, il Real Madrid ha vinto l'89ª edizione della Liga, che è iniziata il 16 agosto 2019 ed è terminata il 19 luglio 2020 con una trasferta sul campo del Leganés. Il 12.01.2020 il Real Madrid ha vinto la Supercopa de España 2020. Nella UEFA Champions League 2020/21 è stato eliminato agli ottavi dal Manchester City il 7/8/2020, e in ‘Copa del Rey’ è stato eliminato il 6.02.2020 ai quarti dalla Real Sociedad.

Il Patrimonio Netto.

Il Patrimonio Netto è positivo ed in aumento e ammonta a 533,65 milioni di Euro (€532,92 milioni nel 2019/20), con un incremento di 730 mila Euro, rispetto al 2019/20, ossia dello 0,14%. La differenza è dovuta principalmente all’utile netto dell’esercizio pari a 874 mila e alla variazione delle riserve per contributi ricevuti.

Essendo “non negativo” ed in crescita, tale indicatore è conforme a quanto stabilito dal regolamento del Fair Play Finanziario. Da evidenziare che il Real Madrid finanzia con i mezzi propri il 33,7% circa delle attività.

L’INDICE DI SOLVIBILITA’ TOTALE

Il rapporto tra attività totali e debiti totali determina l’indice di solvibilità totale. Un club è solvibile quando il totale dell’attivo è superiore al totale dei suoi debiti. Quanto maggiore risulta tale indice, tanto più il club è solvibile.

Nel caso del Real Madrid l’indice di solvibilità totale è pari a 1,51, mentre nell’esercizio precedente era pari a 1,59.

Pertanto, i beni posseduti dal Real Madrid possono pagare i debiti.

Si aggiunga che il Patrimonio Netto, ossia i mezzi propri, sono superiori al valore dei diritti pluriennali sui giocatori, infatti, il rapporto tra Patrimonio Netto e valore dei diritti pluriennali sui giocatori è pari a 1,24 (1,0 nel 2019/20).

L’indice di solvibilità totale risulterebbe pari a 1,10 (1 nel 2019/20), anche se escludessimo il valore dei giocatori, pertanto i restanti beni sarebbero in grado di pagare i debiti.



L’evoluzione dell’indice nel tempo mostra come il Real Madrid presenti un indice di solvibilità sopra il valore di 1 da molto tempo e come tale indice sia in crescita.

L’affermazione resta valida anche se non si considerasse nelle attività il valore contabile netto dei giocatori,

L’INDICE DI INDEBITAMENTO

Il rapporto tra patrimonio netto e il totale delle passività determina l’indice di indebitamento. Tale valore deve muoversi all’intorno di 1. Nel caso in questione, l’indice di indebitamento è pari a 0,51 (0,59 nel 2019/20).

Infatti, l’equity ratio è sceso al 33,7% e si ricorre al capitale di terzi, nella misura del 66,3%.

Gli Investimenti.

Escludendo il progetto di ristrutturazione dello stadio, nell’esercizio 2020/21, il club ha investito € 48 milioni, di cui € 2 milioni sono stati destinati al miglioramento e lo sviluppo degli impianti; circa € 45 milioni (€323 milioni nel 2019/20) per i diritti maturati sull’acquisto dei giocatori e per il costo del nuovo allenatore.

Per quanto riguarda l’importo degli investimenti effettuati dall’esercizio 2000/01, l’importo dell’anno 2020/21 risulta essere il più basso. Nel corso del tempo, il Real Madrid ha finanziato parte degli investimenti con i disinvestimenti.

Come già detto, l’investimento nella rosa giocatori è stato di circa € 45 milioni; il Real Madrid ha completamente autofinanziato l'investimento in giocatori attraverso le entrate ottenute dai trasferimenti, che sono state pari a € 121 milioni (€ 139 milioni nel 2019/20). Pertanto, l'importo delle entrate da trasferimenti è stato di € 77 milioni superiore all'importo dell'investimento.

Osservando l'evoluzione degli investimenti, si nota che, nel periodo 2000/01-2020/21, il club madrileno ha investito molto nelle strutture sportive immobiliari. In particolare, in tale periodo sono stati investiti 250 milioni di Euro per lo stadio, per modernizzarne le strutture e migliorarne la qualità e funzionalità per gli spettatori, per fornire servizi multimediali e servizi che consentono un maggiore sfruttamento commerciale, con l’obiettivo di creare un ritorno economico annuo molto significativo. E sono stati investiti 240 milioni di Euro (di cui € 2 milioni nel 2020/21) per la costruzione della “Ciudad Real Madrid”, considerato il più grande centro sportivo mai costruito per una squadra di calcio, con una superficie totale di 120 ettari, 10 volte più grande dell’ex città dello sport.

La Struttura dello Stato Patrimoniale.

Il totale delle attività al 30 giugno 2021 è di circa 1,58 miliardi di Euro (€ 1,43 miliardi nel 2019/20) e registra un incremento del 10,5%.


Le immobilizzazioni materiali nette, compresi gli investimenti immobiliari, rappresentano il 37% del totale delle attività; mentre, le immobilizzazioni immateriali sportive, pari a € 429,18 milioni (€ 534,8 milioni nel 2019/20), rappresentano il 27,08% dell’attivo.

La variazione del valore contabile netto della rosa atleti sportivi è stata negativa per 105,6 milioni di Euro.

Al 30 giugno 2021, ci sono diritti di acquisizione di giocatori completamente ammortizzati per circa € 41.254.000 (€ 6.025.000 al 30 giugno 2020).

La variazione in diminuzione della rosa calciatori pari a Euro 105 milioni è dipesa da acquisti per € 44,6 milioni, cessioni per un valore contabile residuo di € 15,59 milioni, ammortamenti per Euro 158,17 milioni oltre a riclassificazioni nelle attività correnti detenute per la vendita per € 23,9 milioni. Il costo storico della rosa calciatori ammonta a € 990,1 milioni (€ 953,8 milioni nel 2019/20), mentre il valore contabile netto è pari a Euro 429.035.000.

Negli investimenti 2020/21 della rosa calciatori del Real, pari a 44,6 milioni di Euro, dovrebbero essere conteggiati i diritti maturati sull’acquisto dei giocatori e il costo del nuovo allenatore (il primo giugno 2021 Ancelotti ha risolto il contratto con l’Everton per poter firmare col Real Madrid). Tra i disinvestimenti conteggiati nel bilancio 2020/21 dovrebbero figurare Achraf Hakimi (FC Internazionale); Sergio Reguilón (Tottenham) Óscar Rodríguez (Siviglia FC) e Javi Sánchez (Real Valladolid CF).

La variazione diminutiva della rosa dei giocatori di pallacanestro è negativa per Euro 444 mila ed è dipesa da acquisti per € 10 mila, cessioni per un valore contabile residuo di € 164.000 e ammortamenti per Euro 290.000. Il costo storico della rosa giocatori di pallacanestro ammonta a 8,91 milioni di Euro, mentre il valore contabile netto è pari a Euro 149.000.

Al 30.06.2021, il saldo finale del costo storico delle immobilizzazioni materiali ammonta a € 790.808.000. Il valore contabile netto dello stadio e dei palazzetti dello sport ammonta a 209,03 milioni di Euro. Il costo storico è pari a € 324.394.000. Il valore contabile netto dei terreni e delle altre costruzioni ammonta a 55,93 milioni di Euro. Il costo storico della voce “Otros terrenos y construcciones” è pari a 68,11 milioni di Euro.

La voce “Inversiones Inmobiliaras”, pari a € 11,16 milioni, evidenzia un costo storico di € 14,06 milioni. Tale voce comprende la voce contabile “Terrenos”, con un costo storico di 13,62 milioni di Euro, che riguardano un terreno ottenuto dal Comune di Madrid denominato “Mercedes Arteaga, Jacinto Verdaguer” e la particella di terreno dedicata a servizi della “Ciudad Aeroportuaria parque de Valdebebas”.

L’attivo non corrente pari a € 1.128.191.000, risulta aumentato di € 61,3 milioni a causa soprattutto dell’incremento del valore contabile netto delle immobilizzazioni materiali, da € 424,17 milioni a € 575,4 milioni; l’incremento delle attività non correnti per imposte differite da € 20.17 milioni a € 31.8 milioni e dei crediti a lungo termine per la cessione calciatori sono aumentati da € 46,44 milioni a € 55,89 milioni.

Di contro si è verificato il decremento del valore contabile netto delle immobilizzazioni immateriali sportive, da € 534,8 milioni a € 429,18 milioni.

Le attività correnti, pari € 456.682.000, registrano un incremento di € 89,6 milioni.

Il capitale circolante netto, ossia la differenza tra attività correnti e passività correnti, mostra un valore positivo di € 77,15 milioni (-€ 111,96 milioni di Euro nel 2019/20). Il principale fattore che rende positivo il capitale circolante è rappresentato dalle disponibilità liquide, pari al 58,35% dell’attivo corrente.

La Posizione Finanziaria Netta.

Ai fini del Financial Fair Play la nozione di Net debt, già nota in base alla vecchia regolamentazione, come differenza tra debiti finanziari e disponibilità liquide integrata del saldo tra debiti e crediti verso società di calcio, è stata ulteriormente integrata con la considerazione nel conteggio anche dei debiti fiscali e previdenziali non correnti (“Accounts payable to social/tax authorities”); invece, non sono considerati gli altri debiti fiscali (“Other tax liabilities”), che includono le passività per imposte differite (“deferred tax liabilities”).

In altre parole, i debiti fiscali e previdenziali non correnti da considerare riguardano le rateizzazioni pluriennali col fisco.

Il risultato della somma algebrica, non deve essere superiore al fatturato netto.


Da questo punto di vista il Real Madrid non presenterebbe alcun problema.

Il debito bancario è stato ridotto di 50 milioni a causa del rimborso di un prestito bancario nel 2020/21. Il debito verso club per investimenti “Acreedores por adquisición jugadores, obras y recompra derechos” si è ridotto a causa dei pagamenti effettuati sul saldo residuo dell'anno precedente, non essendo state effettuate acquisizioni importanti nel corso del 2020/21.

Non figurano debiti fiscali e previdenziali non correnti da aggiungere; pertanto, il net debt ai fini del Fair Play Finanziario risulta inferiore al fatturato netto ed è conforme a quanto auspicato dal regolamento. Esistono solo passività per imposte differite non correnti per € 32,62 milioni che non si considerano ai fini del calcolo

Il nuovo regolamento del Fair Play Finanziario ha introdotto la nozione di “Relevant Debt”. La nozione di debito rilevante (“Relevant Debt”) corrisponde alla nozione di “Net Debt” meno l'importo del debito direttamente attribuibile alla costruzione e/o alla modifica sostanziale dello stadio e/o alle strutture di formazione dall'inizio del debito fino a 25 anni dopo la data in cui il debito l'attività è dichiarata pronta per l'uso. Il “Relevant Debt” non deve essere superiore congiuntamente a due limiti: € 30 milioni e a 7 volte la media della differenza tra valore e costi della produzione.

Nel caso del Real Madrid, al 30.06.2021, figurano Debiti per lavori per lo Stadio e la “Ciudad Real Madrid” per € 425.153.000, di cui a breve termine per € 43.840.000, che dovrebbero essere considerati, ai fini della loro esclusione, nella nozione di “Relevant Debt”.

Gli Amministratori del Real Madrid considerano come indebitamento finanziario netto (“Deuda Neta”) la somma del saldo tra crediti e dei debiti per i trasferimenti di giocatori più l’indebitamento finanziario netto (inteso come somma tra saldo tra debiti e crediti bancari, finanziamenti da soci e parti correlate, risconti passivi pluriennali per ricavi anticipati e debiti per leasing finanziario al netto delle disponibilità liquide e investimenti a breve termine) e il debito verso fornitori di immobilizzazioni (comprese le opere per lo stadio e il centro sportivo). L'indebitamento finanziario netto non include i debiti commerciali e altri debiti.

In base al conteggio fatto dagli Amministratori, per le regole del Fair Play Finanziario Spagnolo, l'indebitamento finanziario netto risulta negativo per € 46.421.000; mentre, nel 2019/20 era negativo per € 241 milioni con esclusione del progetto di rifacimento dello stadio.

Si pensi che al 30 giugno 2009, risultava un indebitamento finanziario netto di 327 milioni circa. Ovviamente il dato risulta abbondantemente conforme al Fair Play Finanziario, considerato l’importo del fatturato.

La posizione finanziaria netta calcolata dagli Amministratori, escludendo il progetto di ristrutturazione dello stadio, ammonta a circa 46 milioni di Euro (€241 milioni nel 2019/20).

L’indebitamento finanziario lordo ammonta a circa 307 milioni di Euro (+€ 457 milioni nel 2019/20) ed è determinato dai seguenti dati: € 155 milioni di debiti bancari (€ 205 milioni nel 2019/20); € 82 milioni di debiti per investimenti in giocatori (€ 204 milioni nel 2019/20) e “Anticipo de tesorería” per € 70 milioni (€ 48 milioni nel 2019/20).

La posizione finanziaria netta, calcolata dagli Amministratori escludendo il progetto di ristrutturazione dello stadio, è ottenuta sottraendo le disponibilità liquide, pari a € 122 milioni (€ 125 milioni nel 2019/20), e i crediti verso club per l’acquisto di giocatori pari a € 139 milioni.  

Il Risultato della Posizione Finanziaria netta, con esclusione dei debiti per la ristrutturazione dello stadio, è negativo per 46 milioni di Euro.

Il grafico seguente tratto dal bilancio del Real Madrid mostra l’evoluzione della Posizione Finanziaria Netta nel tempo, con il picco dell’indebitamento raggiunto nel 2009.

Debiti con dipendenti e fisco.

Il Fair Play Finanziario richiede che non vi siano delle problematiche relative a debiti scaduti verso altri club, il fisco e/o i propri dipendenti.

Al 30 giugno 2021, i debiti correnti verso il personale ammontano a € 135.172.000 (€ 138.944.000 nel 2019/20), di cui € 130.256.000 verso il personale sportivo (€ 133.643.000 nel 2019/20). Nel complesso segnano un decremento del 2,7%.

Il rapporto tra debiti verso il personale sportivo e costo del personale sportivo è del 33,5%. L'ammontare di debito verso il personale sportivo corrisponde principalmente alla remunerazione da corrispondere in base ai contratti ai giocatori e agli allenatori della prima squadra di calcio e gli importi dei premi per i risultati sportivi, pari a Euro 129.932.000 (€ 132.071.000 nel 2019/20).

I pagamenti degli ingaggi, secondo le condizioni stabilite, sono effettuati principalmente nei mesi di luglio e dicembre, mentre gli importi dei premi per i risultati sportivi conseguiti sono pagati, secondo accordo, nella stagione successiva.

Nel bilancio è specificato che il Club risulta in regola per quanto riguarda gli adempimenti relativi agli obblighi fiscali e quindi non ha pendenza nei confronti dell’Agenzia delle Entrate.

Le passività per imposte dell’esercizio correnti sono nulle, invece figurano “Pasivos por Impuesto Diferido” che ammontano a € 32,62 milioni (€ 20,77 milioni nel 2019/20).

Nella sezione opposta, i crediti per imposte correnti ammontano a € 2.085.000 (€ 12.774.000 nel 2019/20) e i crediti per imposte differite ammontano a circa € 31.816.000 (€ 20.173.000 nel 2019/20).

Gli altri debiti verso le Amministrazioni Pubbliche ammontano a € 23.486.000 (€ 14.559.000 nel 2019/20), di cui € 17.097.000 per IVA ed € 3.155.000 per Irpef su ritenute e ci sono debiti verso “Hacienda Pública local acreedora” per € 2.230.000.

I Ricavi

I ricavi operativi per l'anno 2020/21, escludendo le plusvalenze, raggiungono la cifra di € 653 milioni; mentre, nell’esercizio precedente erano pari a € 715 milioni circa, segnando un decremento dell’ 8,6%.

Dal 2011/12 il fatturato si colloca costantemente sopra la soglia dei 500 milioni; dal 2015/2016 supera costantemente quella dei 600 milioni di Euro.

Sono diminuiti soprattutto i ricavi della Liga, delle amichevoli Supercopa de España e della Coppa di Spagna; mentre sono cresciuti, solo i ricavi della Champions League.

I ricavi da biglietteria della Liga si azzerano da € 42.429.000 del 2019/20, a causa della disputa della competizione a porte chiuse.

I ricavi da biglietteria della ‘Copa del Rey’ si azzerano da € 2.424.000 nel 2019/20, a causa della disputa della competizione a porte chiuse.

I ricavi complessivi, da Champions League aumentano a € 94.503.000 (€ 82.249.000 nel 2019/20). Nel 2020/21 figurano i ricavi per la ‘Supercopa de España’per € 6.800.000, che nel 2019/20 erano pari a € 8.057.000,

Nel 2020/21, i ricavi derivanti dalle amichevoli si azzerano da € 13.805.000 del 2019/20, a causa dell’affetto negativo del COVID-19.

I ricavi per le competizioni di Pallacanestro ammontano a € 611.000 (€ 5.208.000 nel 2019/20).

Gli altri ricavi ammontano a € 14.043.000 (€ 17.766.000 nel 2019/20).

Pertanto secondo una delle riclassificazioni dei ricavi presenti in bilancio, i ricavi derivanti dalla vendita di biglietti e dalle competizioni ammontano a € 116.837.000 (€ 171.938.000 nel 2019/20).

Il contributo dei soci, tanto per la quota associativa quanto per gli abbonamenti, rappresenta l’1.3% della cifra totale dei ricavi (nel 2000 rappresentava il 16,5%, nel 2009 il 9,7% e nel 2018 / 19 7,2%) e ammontano a € 8.413.000 (€ 43.596.000 nel 2019/20).

I ricavi relative al funzionamento delle strutture ammontano a € 1.170.000 (€ 16.338.000 nel 2019/20).

I ricavi radiotelevisivi aumentano a € 207.709 .000 (€ 148,57 milioni nel 2019/20) e rappresentano il 21,5% dei ricavi operativi, segnando un incremento del 14,1%, dovuto al prolungamento della stagione sportiva 2019/20 a causa della pandemia COVID-19, che ha determinato lo spostamento all’esercizio 2020/21 della contabilizzazione dei ricavi relativi alla disputa di alcune partite.

I ricavi commerciali hanno un’incidenza del 48,47% e risultano pari a € 314,22 milioni (€ 312,1 milioni nel 2019/20). Tali ricavi comprendono i ricavi per la vendita al dettaglio per € 8.940.000 (€ 22.635.000 nel 2019/20); i ricavi da Sponsor e Licenze per € 278.484.000 (€ 261.062.000 nel 2019/20); ricavi pubblicitari per € 1.239.000 (€ 1.196.000 nel 2019/20) e Altri ricavi commerciali per € 25.563.000 (€ 27.212.000 nel 2019/20).

L'8 maggio 2019, il Real Madrid e Adidas, sponsor tecnico, hanno annunciato l'estensione del loro accordo di sponsorizzazione per altri otto anni fino a giugno 2028. Gli effetti economici derivanti dal miglioramento contrattuale sono iniziati in parte nel 2019/2020, anche se il pieno effetto del contratto è avvenuto a partire dal 1° luglio 2020.

Per quanto riguarda il main sponsor, nella stagione 2012/2013 è stato firmato un contratto di diritti di sponsorizzazione con Emirates Sucursal en España per le stagioni 2013/2014, 2014/2015, 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018 per un reddito superiore al contratto dello sponsor precedente. Nella stagione 2016/2017 il contratto è stato rinnovato ed esteso fino alla fine della stagione 2021/2022 con un aumento delle entrate garantite del Real Madrid.

Dal Grafico seguente, tratto dal bilancio del Real Madrid emerge che nel periodo 1999/2000-2018/19, il tasso medio di crescita medio annuale dei ricavi è stato del 10,6%., Per le situazioni atipiche del 2019/20 e 2020/21 dovute al COVID-19, si è verificata la decrescita a causa del venir meno dei ricavi da stadio.

Fino al 2018/19, risulta evidente che il club aveva raggiunto una struttura equilibrata di ricavi, ciascuna delle tre aree (stadio, televisione e marketing) contribuiva con circa un terzo del totale dei ricavi. La diversificazione delle fonti di ricavo, conferisce stabilità economica, attenuando l'impatto di eventuali fluttuazioni dei ricavi causate dai risultati sportivi e altre cause congiunturali economiche. Nel 2020/21 si è dovuto do portare il forte impatto del venir meno dei ricavi da stadio.

Nell'esercizio 2020/21, sono state realizzate plusvalenze per € 105.964.000 (€ 101.223.000 nel 2019/20), di cui € 105.549.000 per il trasferimento giocatori “Resultado enajenaciones Inmoviliz. Intangible deportivo”.

Il Costo dei dipendenti.

Rispetto al bilancio preventivo 2020/2021, il bilancio dell’esercizio chiuso al 30 giugno 2021 tra le spese per il personale registra minori costi per Euro 40.910.000.

Nell'esercizio 2020/21 il numero medio dei dipendenti è stato di 819 (797 nel 2019/20), di cui 377 (368 nel 2019/20) giocatori e allenatori.

Il costo complessivo del personale al 30 giugno 2021, compresi i diritti di immagine, ammonta a circa € 402,96 milioni (€ 411,04 milioni nel 2019/20) e risulta in diminuzione del 1,97%. Il costo del personale riguardante i calciatori e lo staff tecnico della prima squadra di calcio ammonta a Euro 304.269.000 (€ 308.466.000 nel 2019/20).

Il costo del personale non sportivo associato alla prima squadra di calcio è di Euro 2.737.000 (€ 2.025.000 nel 2019/20).

Il costo del personale riguardante i calciatori e lo staff tecnico della “cantera” ammonta a 16.067.000 Euro (€ 18.300.000 nel 2019/20). Il costo del personale riguardante i giocatori e lo staff tecnico della squadra di basket ammonta a € 31.144.000 (€ 32.626.000 nel 2019/20).

Il rapporto tra costo del personale totale e i ricavi operativi, con esclusione delle plusvalenze, è l'indicatore utilizzato a livello internazionale per misurare l'efficienza operativa delle società di calcio. Più basso è il valore di questo rapporto e più “efficiente” risulta il club.

Il 30 giugno 2021, il costo del personale incide sul fatturato netto solo il 62,2%; mentre, il 30 giugno 2019, il rapporto era pari al 59,4%.

In base a quanto scritto dagli Amministratori, bisogna evidenziare che il dato in questione, è stato del 62% (57% nel 2019/20) e Considerando l'effetto del COVID-19 sulla perdita di fatturato, sarebbe un valore vicino al 50% (come il 2019/20), che è considerato la soglia di eccellenza e si trova al di sotto del valore del 70%, che è il livello massimo raccomandato dall'Associazione europea dei club.

Dal Grafico, tratto dal bilancio del Real Madrid emerge che l’ultimo esercizio in cui l’indice costo del personale/fatturato ha superato il 70%, risale alla stagione sportiva 2002/2003.

In definitiva, il Real Madrid si può permettere una rosa di calciatori dall’ingaggio elevato perché la sua gestione economica ha generato un fatturato altrettanto elevato.

L’equilibrio della Gestione Economica.

Il grafico dimostra come l’evoluzione del costo del personale mantenga la stessa distanza dall’evoluzione dei ricavi operativi, tuttavia dal 2019/20 il costo del personale non ha subito la riduzione, che ha registrato il fatturato. Il Covid-19 ha esercitato maggiori effetti sul calo del fatturato, rispetto al calo del costo del personale, che di fatto è rimasto sostanzialmente stabile.


Negli ultimi 13 anni, nel periodo 2008/09-2020/21, la somma dei risultati prima delle imposte è pari a 353,7 milioni di Euro, con una media di circa 35,4 milioni di Euro ad anno.

Il “Breakeven Result”.

Il bilancio 2020/21 dovrà essere valutato insieme al bilancio 2019/20, a causa della Pandemia Covid-19.

Nel calcolo dovrà essere considerato l'impatto finanziario negativo del COVID-19, definito come la perdita di ricavi dovuta alla differenza tra i ricavi medi rilevati negli esercizi 2020/2120 e 2020/2021 e i corrispondenti ricavi medi attesi previsti per gli stessi periodi, che come minimo dovranno essere uguali a quelli del periodo di monitoraggio chiuso nel 2019, anche considerando eventuali aumenti contrattuali.

Per il Real Madrid la somma algebrica dei risultati prima delle imposte per gli esercizi 2018, 2019, 2020 e 2021, risulta positiva per 100,01 milioni di Euro; pertanto, non ci sono problemi per questo aspetto.

L’EBITDA, ossia il risultato prima del calcolo degli ammortamenti degli interessi e delle tasse, con esclusione delle plusvalenze e svalutazioni, risulta pari a € 179.632.000 (€ 50 milioni nel 2019/20). Se considerassimo anche le plusvalenze e svalutazioni si determinerebbe un EBITDA positivo per € 179.632.000, leggermente superiore all'anno precedente, essendo pari a 176,9 milioni, nonostante l'effetto di COVID-19.

Il risultato di gestione al lordo delle imposte risulta positivo con un utile di 1.739.000, mentre nel 2019/20 era positivo per 1,8 milioni; nel 2018/19 era positivo per 53,48 milioni e nel 2017/18 per 42,98 milioni.

Il Fair Play Finanziario Spagnolo.

In base a quanto emerge dai dati del bilancio 2020/21, il Real Madrid rispetta anche quanto stabilito dal Regolamento di Controllo Economico della LFP e tutti gli indicatori previsti dalla stessa LFP:

Indicador del Punto de equilibrio”, riguardante la somma algebrica del risultato derivante dalla differenza tra ricavi e costi rilevanti degli ultimi tre esercizi, che non deve essere negativa. Nel caso del Real Madrid il “Punto de equilibrio total” è positivo per € 410.406.000.

• “Indicador gastos de personal asociados a la primera plantilla de fútbol”, che non deve superare il 70% dei ricavi rilevanti. Nel caso del Real Madrid tale rapporto è pari al 40% (38% nel 2019/20).

• “Ratio de deuda neta sobre ingresos relevantes”, che non deve superare il 100%. Nel caso del Real Madrid tale rapporto è pari al 6,1%; tenuto conto che il debito netto considerato in base al regolamento riguarda una situazione di eccesso positivo di liquidità, rispetto ai debiti netti considerati, per € 46.421.000 e i ricavi rilevanti risultano pari a € 761.254.000.

Il Bilancio Preventivo 2021/2022.

Le società e i club iscritti alla Liga Spagnola devono formulare il bilancio preventivo. Tale obbligo rientra nella fase di controllo economico “a priori” esercitata dalla Liga sui club.

Nel caso del Real Madrid, il Consiglio di Amministrazione ha redatto, un bilancio preventivo con EBITDA pari a € 183.469.000 (€ 84.978.000 previsti per il 2020/21) e un utile di € 1.058.000 al netto delle imposte prevista per il 2021/22 (perdita al netto delle imposte di 69,67 milioni di Euro prevista per il 2020/21).

Il volume d’affari netto previsto è di € 695.530.000 e le plusvalenze previste per € 108.086.000.

I ricavi previsti, riportano un aumento del 6,5% rispetto all'esercizio 2020/21.

In definitiva sono stati previsti “Ingresos de Socios y Estadio” per € 85.534.000 (€ 9.519.000 nel “presupuesto” 2020/21); “Ingresos de Amistosos y Competiciones Internacionales” per € 98.594.000 (€ 92.520.000 nel “presupuesto” 2020/21); “Ingresos de Retransmisión”  per € 186.538.000 (€ 212.833.000 nel “presupuesto” 2020/21) e “Ingresos de Marketing” per € 324.864.000 (€ 301.932.000 nel “presupuesto” 2020/21).

Conclusioni.

Il Real Madrid non ha problemi in termini di Fair Play Finanziario, sia UEFA, che spagnolo, tuttavia, sin dall’esercizio precedente, la previsione degli effetti della pandemia apre uno scenario di incertezza. E’ riuscito ad ottenere un livello di EBITDA notevole, riducendo i costi. Sia nel 2019/20, con un EBITDA pari a 177 milioni di euro, che nel 2020/21 con un EBITDA pari a € 179.632.00, il Real Madrid ha raggiunto un EBITDA superiore a quello del 2018/19, che era pari a 176 milioni di euro, prima della pandemia, nonostante la perdita di ricavi. In entrambi gli esercizi sono state decisive le plusvalenze, anche se il Real Madrid ha operato in modo efficiente del punto di vista operativo ed è stato reattivo nell'adottare misure di risparmio dei costi per mitigare queste perdite.

L’enorme quantità di ricavi permette al Real Madrid di avere una rosa di Top Player con costo lordo del personale notevole, ma la cui incidenza resta sotto il livello del 60% circa dei ricavi senza plusvalenze.

Il Fatturato netto elevato, degli esercizi pre-pandemici, ha permesso al Real Madrid di affrontare l’investimento della ristrutturazione dello stadio. Il problema della liquidità collegato alla crisi pandemica e al derivate calo dei ricavi è stato affrontato facendo ricorso alla leva dell’indebitamento.

Per quanto riguarda le previsioni per la stagione sportiva 2021/22, gli amministratori, al momento della redazione del bilancio non erano in grado di determinare la percentuale della capacità disponibile per l’uso della stadio da parte del pubblico, durante la stagione sportiva. Gli stessi amministratori, per quanto riguarda la situazione economica, prevedono che il recupero della situazione pre-pandemia non sarà immediato; per questo motivo, il Real Madrid continuerà con i suoi sforzi per contenere le spese. 

domenica 21 novembre 2021

Consolidato ‘Fútbol Club Barcelona’: perdita di 481,3 milioni, con ulteriore aumento del debito. Crollo dei ricavi e rigidità dei costi.

 

Luca Marotta

 

jstargio@gmail.com

 

Il bilancio consolidato 2020/21 del Barcellona, si è chiuso con una perdita consolidata netta di € 481.318.000 e con un fatturato netto di 575,45 milioni di Euro. Il bilancio dell’esercizio precedente si era chiuso con un risultato consolidato netto negativo “rettificato” di € 101.339.000 (valore negativo prima della rettifica di € 97,33 milioni) e con un fatturato netto di 728,78 milioni di Euro. 

In base a quanto scritto dagli Amministratori, a causa della pandemia di Covid-19, i ricavi del Gruppo sono diminuiti notevolmente. Tale circostanza, unitamente all'esistenza di costi di struttura molto elevati, soprattutto quelli relativi al costo del personale della prima squadra di calcio, ha determinato perdite significative sia nell'esercizio2020/2021 che nell'esercizio 2019/2020.

In conseguenza di tali perdite, il patrimonio netto consolidata al 30 giugno 2021 risulta negativo per € 450.732.000.

Il capitale circolante netto risulta negativo per € 553.435.000.

L’esercizio precedente riguardante la stagione sportiva 2019/20, aveva registrato una stagione sportiva senza trofei conseguiti, evento che non si verificava dal 2007/08. Tale circostanza unita alla difficoltà della situazione finanziaria ha visto i membri del club esprimere un voto di sfiducia al presidente Josep Maria Bartomeu, portando alle sue dimissioni in ottobre 2020 insieme all'intero consiglio di amministrazione.

Prima della pandemia COVID-19, l’equilibrio economico del Barcellona era basato su elevati ricavi, derivanti da un modello economico che ha fatto delle infrastrutture sportive in grado di accogliere numerosi spettatori il suo punto di forza. Gli elevati ricavi fronteggiavano i costi elevati, di culi il costo del personale era quello dominante. La pandemia Covid-19 ha causato il crollo dei ricavi, soprattutto per la disputa delle competizioni senza pubblico. La diminuzione dei costi non è avvenuta nella stessa misura di quella dei ricavi. Tale situazione di squilibrio economico ha reso inevitabile la fine del rapporto con Messi, rendendo impraticabile il rinnovo.

Il grafico seguente tratto dal bilancio consolidato del Barcellona evidenzia come il costo del personale è rimasto sostanzialmente stabile, nonostante la forte riduzione dei ricavi.

Come per tutte le società di calcio, il risultato dell’esercizio è stato fortemente condizionato dalla pandemia Covid-19, che ha ridotto i ricavi e ha anche provocato un aumento consistente del debito finanziario.

Lo svolgimento delle elezioni alla Presidenza a marzo 2021 è stato preceduto dalla verifica della reale situazione economica del Club, dopo aver svolto un esame molto esaustivo ed una rigorosa “due diligence”. Il presidente eletto Joan Laporta i Estruch ha dichiarato che l'audit ha confermato ciò che sospettava e temeva, ossia che l'FC Barcelona ha un debito di 1,35 miliardi di euro; inoltre le perdite nella stagione 2020/21 sono state di 481 milioni, e il patrimonio netto è risultato negativo per 451 milioni di euro. Secondo Joan Laporta i Estruch la situazione economica e patrimoniale della polisportiva è molto preoccupante, e la situazione finanziaria è “drammatica”.

La dimostrazione pratica è data dal fatto che il Barcellona ha dovuto accettare di non poter trattenere un calciatore, che è una leggenda del Club blaugrana, come Leo Messi.

Di fatto la cifra di cui ha parlato Laporta non è altro che il totale delle passività esclusi gli accantonamenti a fonfi rischi. In realtà, nel bilancio è scritto che al 30.06.2021 la voce “Pasivos financieros” che riguarda “Deudas a largo plazo”, “Deudas a corto plazo” e “Acreedores comerciales y otras cuentas a pagar” ammonta ad Euro 1.149.638, al 30.06.2020 era pari a Euro 1.179.021.

Bisogna evidenziare che, mentre il fatturato netto è stato pari a circa 595,97 milioni di Euro, i ricavi lordi, comprensivi di plusvalenze, considerati dagli Amministratori, nella divulgazione dei dati di bilancio, pari a 631 milioni di Euro diminuiscono del -26%, rispetto agli 855 milioni di Euro del 2019/20, e del -25% rispetto ai ricavi previsti che erano pari a 828 milioni di euro.

Nel 2020/21 il COVID-19 ha ulteriormente aggravato la situazione economica patrimoniale e finanziaria della Polisportiva Barcellona, che era già stata colpita duramente nel 2019/20.

Secondo la riclassificazione contabile degli amministratori, i ricavi da stadio diminuiscono dell’ 84% rispetto alla stagione precedente, passando da 162 a 25 milioni di euro.

I ricavi dell'area Media aumentano del 14% rispetto alla stagione precedente, passando da 249 a 282 milioni di euro

I ricavi dell'area commerciale diminuiscono del 10% rispetto alla stagione precedente, passando da 297 a 268 milioni di euro.

Dal punto di vista sportivo nella stagione 2020/21, il Barcellona è arrivato al terzo posto con 79 punti (2° posto con 82 punti nel 2019/20); mentre in UEFA Champions League ha perso agli ottavi di finale, il 14 agosto, con il Paris Saint Germain.

Per quanto riguarda la Copa del Rey ha vinto il trofeo, il 17 aprile 2021, con l’Athletic Bilbao con il risultato di 4-0.

Il Gruppo.

Il Club ha pubblicato i bilanci consolidati per la prima volta nell'esercizio chiuso al 30 giugno 2019 a causa della rilevanza della nuova società controllata “Barça Licensing & Merchandising, S.L.U.”, società che ha iniziato le sue attività il 1 ° luglio 2018 alla scadenza dell'accordo operativo siglato con la società “Fútbol Club Barcelona Merchandising, S.L.U.” (una società appartenente al gruppo Nike), che prevedeva la gestione in esclusiva delle attività del merchandising.

La società “Barça Licensing & Merchandising, S.L.U.” è stata costituita il 23 marzo 2018 e il suo oggetto sociale è il commercio al dettaglio, inclusa la promozione, la vendita, la commercializzazione e la distribuzione, nelle modalità previste dalle pratiche e gli usi commerciali, di gadgets, articoli sportivi e abbigliamento sportivo o che non rientrano nell'ambito dello sfruttamento dei marchi di proprietà del Futbol Club Barcelona. Questa società controllata non è quotata in borsa.
La voce “Instrumentos de patrimonio”, che riguarda il valore delle partecipazioni in società controllate, non consolidate, include al 30 giugno 2021 le partecipazioni nella società “FCBarcelona HK Limited” (Hong Kong) e nella società “FCB North America LLC” (USA), non incluse nell'area di consolidamento, in quanto non hanno un interesse significativo, né individualmente né nel loro insieme, per l'immagine fedele del patrimonio, della situazione finanziaria e dei risultato economico del Gruppo. A tale partecipazioni bisogna aggiungere la partecipazione al 50% nella società cinese “Haikou Barça Missions Hills”.

La partecipazione nella società “FCBarcelona HK Limited” (Hong Kong) è valorizzata per € 3.670.000, risultata totalmente svalutata; la partecipazione nella società “FCB North America LLC” (USA) è valorizzata per Euro 0,09 migliaia, risultata totalmente svalutata; la partecipazione nella società cinese “Haikou Barça Missions Hills” non è valorizzata.

A capo del gruppo figura la Polisportiva.

La Polisportiva.

Il “Fútbol Club Barcelona” è una polisportiva costituita il 29 novembre 1899 sotto forma di associazione privata di persone fisiche senza scopo di lucro. Svolge la sua attività nel calcio, nel basket, nella pallamano, nel calcio a 5, hockey e altri sport.

Per la prima squadra di calcio, il bilancio per sezioni, mostra una perdita lorda di € 230.898.000; per la sezione “Fútbol Base” figura una perdita di Euro  36.139.000; per la sezione “Femeninouna perdita di Euro 2.808.000; per la sezione “Baloncestouna perdita di Euro 34.689.000; per la sezione “Balonmanouna perdita di Euro 10.664.000; per la sezione “Hockey Patines  una perdita di Euro 2.514.000; per la sezione “Fútbol Sala  una perdita di Euro 5.163.000; per le Altre Sezioni  una perdita di Euro 1.940.000 e per la società “Barça Licensing & Merchandising, S.L.U.”una perdita lorda di € 156.473.000 .

Si pensi che il costo del personale della Sezione Basket è di € 39.401.000 (€30.172.000 nel 2019/20) a fronte di ricavi per € 10.669.000 (€ 8,54 milioni nel 2019/20). La sezione del “Fútbol Base” mostra un costo del personale di € 29.982.000 (€ 27.766.000  nel 2019/20) a fronte di un volume d’affari pari a circa € 1.518.000 (€ 529 mila nel 2019/20); la sezione “Balonmano” mostra un costo del personale di € 9.502.000 (€ 6.49.000 2nel 2019/20) a fronte di un volume d’affari di € 1.530.000 (€ 1.791.000 nel 2019/20); la sezione “Fútbol Sala” mostra un costo del personale di € 4.940.000 (€ 4.164.000 nel 2019/20) a fronte di un volume d’affari pari a circa € 1.374.000 (€473 mila nel 2019/20); la sezione “Femenino” mostra un costo del personale di € 5.482.000 a fronte di un volume d’affari pari a circa € 4.424.000.

.

La “Ley del deporte” del 15 ottobre 1990, stabilisce che i club coinvolti nelle competizioni sportive professionistiche debbano assumere la forma di “Sociedad Anónima Deportiva”, ma, in deroga a ciò, fu prevista la possibilità per i club, che soddisfacevano determinati requisiti, di mantenere la struttura giuridica esistente e il “Fútbol Club Barcelona” mantenne la sua struttura giuridica. In questo caso, la legge prevede che il consiglio di amministrazione deve garantire il 15% delle spese del club, in base al bilancio preventivo.

Nel bilancio 2020/21 è specificato che in base a quanto stabilito dal Regio Decreto 1251/1999 del 16 luglio, il nuovo Consiglio del Club è tenuto a presentare tale garanzia, per un importo pari al 15% dei costi del “presupuesto”per il 2021/22, che di datto ha garantito.

Il 5 ottobre 2013, l’Assemblea dei Soci ha approvato una modifica dello statuto del Club. E’ stato incluso un articolo che dispone che la “Junta Directiva” dovrà garantire il mantenimento del patrimonio netto del club.

La continuità aziendale.

La situazione patrimoniale al 30 giugno 2021 si presenta con un capitale circolante netto negativo per € 553.435.000. Questo significa che anche nel 2020/21 permane lo squilibrio finanziario, ossia i debiti a breve superano i crediti a breve di circa 553,4 milioni di Euro, che potrebbe, in linea teorica, porre dei dubbi sull’applicazione del principio della continuità aziendale.

I Revisori di Ernst Young S.L. hanno fatto un richiamo di informativa riguardante la circostanza che il Gruppo ha subito perdite significative nell'esercizio 2020/ 2021, che hanno determinato un patrimonio netto consolidato negativo per 450,7 milioni euro. Inoltre, lo stato patrimoniale consolidato evidenzia un capitale circolante negativo pari a 553,4 milioni di euro. Il Consiglio di Amministrazione del Club ha predisposto l'allegato bilancio consolidato applicando il principio della continuità aziendale, tenendo conto delle attenuanti richiamate nota 2.7 della Relazione.

Il Consiglio Direttivo del Club ha preso in considerazione come fattori attenuanti:

 - il fatto che tra i debiti a breve sono inclusi ratei passivi, pari a € 214.341.000. Tale non comporta impegni finanziari futuri per il Gruppo;

 - L'esistenza di un patrimonio netto negativo al 30 giugno 2021 non implica alcuna violazione di legge che impedisca al Club di continuare ad operare normalmente. Parimenti, la violazione al 30 giugno 2021 di alcuni coefficienti stabiliti nel Regolamento del Controllo Economico delle Società Sportive e delle Società per Azioni affiliate alla Lega Nazionale Professionisti Calcio, non impedisce la partecipazione della prima squadra di calcio a competizioni nazionali e internazionali;

- il Gruppo ha ottenuto esenzioni dalla compliance, per la non conformità, al 30 giugno 2021, dei ratio finanziari stabiliti nelle emissioni di debito “Senior Notes” e in alcuni finanziamenti ricevuti da enti finanziari;

 - il Gruppo presenta una proiezione di cassa per i prossimi 12 mesi che riflette la sua capacità di far fronte ai propri impegni di pagamento. La proiezione dei flussi di tesoreria considera anche gli impatti prevedibili derivati dal Covid-19 e l'ottenimento di un finanziamento attraverso l'emissione di “Senior Secured Notes” per un importo di € 525 milioni per rifinanziare il debito ed ottenere liquidità per far fronte ai pagamenti previsti.

Per quanto sopra, il Consiglio di Amministrazione del Club ha predisposto il bilancio consolidato applicando il principio della continuità aziendale.

L’Attivo

Il totale dell’attivo ammonta a € 1,31 miliardi. Il Valore della Rosa atleti, rappresenta il 64,6% (40,5% nel 2019/20) del totale dell’attivo.

Nel 2020/21 non sono stati fatti investimenti per l’acquisto dei diritti di alcuni giocatori dal costo notevole. Nel 2019/20 furono fatti investimenti importanti per l’acquisto di Antoine Griezmann; Junior Firpo e Neto.

Le immobilizzazioni materiali rappresentano il 22,4%; quelle immateriali il 32,5%. Le disponibilità liquide incidono per il 5,9%.

Durante la stagione 2020/21, il club ha investito in immobilizzazioni materiali e immateriali non sportive circa 24 milioni di euro, di cui 13 milioni di euro, corrispondenti a investimenti nell'Espai Barça.

Nell’attivo corrente figura la voce relativa a crediti commerciali vari a breve termine per Euro 97.807.000, pari al 9,5% dell’attivo, riguardante per € 77.533.000 la voce “Contratos de exclusiva y patrocinadores”.

L’INDICE DI SOLVIBILITA’ TOTALE

Il rapporto tra attività totali e debiti totali determina l’indice di solvibilità totale. Un club è solvibile quando il totale dell’attivo è superiore al totale dei suoi debiti. Quanto maggiore risulta tale indice, tanto più il club è solvibile. Nel caso in questione, l’indice di solvibilità totale è pari a 0,696 (1,025 nel 2019/20), ciò vuol dire che il club NON possiede dei beni il cui valore, in base ai criteri di valutazione adottati, è sufficiente a pagare i debiti.

L’INDICE DI SOLVIBILITA’ CORRENTE

Il rapporto tra attività correnti e passività correnti determina l’indice di solvibilità corrente. Tale indice serve a verificare se l’attivo corrente è in grado di pagare i debiti a breve. Nel caso in questione, l’indice di solvibilità corrente è pari a 0,32, ciò vuol dire che l’attivo a breve, in linea teorica, non sarebbe in grado di pagare i debiti a breve. Tuttavia, come evidenziato dagli amministratori, nelle passività a breve sono presenti i ratei e i risconti passivi per € 214.341.000; tuttavia anche, escludendo i ratei e risconti passivi, l’indice di solvibilità corrente sarebbe inferiore a 1 poiché sarebbe pari a 0,43.

Il Valore della Rosa.

Il valore contabile netto dei diritti pluriennali alle prestazioni dei giocatori ammonta ad € 313.179.000 e rappresenta il 30,4% (40,5% nel 2019/20) del valore totale dell’attivo. Il valore indicato nel bilancio 2019/20 era pari a d € 596.678.000.

Pertanto, la variazione, rispetto al 2019/20, è stata causata: da investimenti pari a € 91.469.000, da cessioni per un valore contabile netto di € 46,47 milioni, da ammortamenti calcolati per € 154.906.000, diritti detenuti per la vendita per € 163.091.000 e anticipi per € 10,5 milioni.


La sezione calcio ha comportato investimenti per € 90.783.000 (€ 290,4 milioni nel 2019/20), cessioni per un valore contabile di € 40.299.000 (€ 64 milioni nel 2019/20), ammortamenti per € 153.747.000 (€ 172,6 milioni nel 2019/20), e anticipi per un valore negativo di € 10.550.000 (€ 15,6 milioni nel 2019/20).

Occorre evidenziare che dal 2016 al 2021 il Barcellona ha investito circa 1,24 miliardi di Euro nell’acquisto di calciatori, con un media di € 234,4 milioni ad anno.

Questo robusto investimento non ha generato successi nelle competizioni internazionali, solo 3 vittorie nella Liga; 4 coppe di Spagna e 2 Supercoppa di Spagna.




Per la stagione 2020/21, sono stati acquisiti i diritti di giocatori come Sergiño Dest (Ajax Amsterdam) acquistato per € 21 milioni (https://www.fcbarcelona.es/es/futbol/primer-equipo/noticias/1849100/acuerdo-con-el-ajax-para-el-traspaso-de-sergino-dest); Matheus Fernandes Siqueira (SE Palmeiras) acquistato per € 7 milioni di euro più 3 milioni di euro in variabili https://www.fcbarcelona.es/es/futbol/primer-equipo/noticias/1594980/acuerdo-con-el-palmeiras-para-el-traspaso-de-matheus-fernandes . L’acquisto di Francisco Trincão (SC Braga) e Miralem Pjanic (Juventus FC) risultavano contabilizzati nel bilancio2019/20. Determinando un investimento complessivo aggregato, comprensivo delle componenti variabili, di € 90.783.000.

Sono state effettuate cessioni che hanno determinato entrate per € 61.329.000 a seguito delle cessioni di giocatori come Nélson Semedo (Wolverhampton Wanderers); Carles Pérez (AS Roma); Marc Cucurella (Getafe CF); Luis Suárez (Atlético de Madrid); Ivan Rakitic (Siviglia FC); Arturo Vidal (FC Internazionale Milano) e Rafinha (FC Paris SaintGermain). La cessione di Arthur Melo (Juventus FC) risultava contabilizzato nel bilancio2019/20.

I proventi derivanti dal trasferimento e dalla formazione di calciatori iscritti nella voce "Altri ricavi operativi" a conto economico per il periodo 2020/21 sono pari a € 9.504.000 (€ 15.382.000 nel 2019/20).

Il Patrimonio Netto.

Il patrimonio netto al 30 giugno 2021 risulta negativo per € 450.732.000.

Il patrimonio netto al 30 giugno 2020 “rettificato” era positivo per € 30.838.000; mentre, prima della rettifica era positivo per € 35,19 milioni.

I mezzi propri del Barcellona sono insufficienti per finanziare il totale delle attività, che sono finanziate totalmente dal capitale di terzi.

Il patrimonio netto essendo negativo non è conforme a quanto richiesto dal Regolamento del Fair Play Finanziario.

L’INDICE DI INDEBITAMENTO

Il rapporto tra patrimonio netto e il totale delle passività determina l’indice di indebitamento. Tale valore deve muoversi all’intorno di 1. Nel caso del Barcellona, l’indice di indebitamento è negativo, poiché il patrimonio netto è negativo.

L’indebitamento Finanziario Netto.

L’ulteriore aumento del debito finanziario è stata una delle conseguenze del perdurare della Pandemia COVID-19.

Ai fini del Financial Fair Play la nozione di Net debt, già nota in base alla vecchia regolamentazione, come differenza tra debiti finanziari e disponibilità liquide integrata del saldo tra debiti e crediti verso società di calcio, è stata ulteriormente integrata con la considerazione nel conteggio anche dei debiti fiscali e previdenziali non correnti (“Accounts payable to social/tax authorities”); invece, non sono considerati gli altri debiti fiscali (“Other tax liabilities”), che includono le passività per imposte differite (“deferred tax liabilities”).

In altre parole, i debiti fiscali e previdenziali non correnti da considerare riguardano le rateizzazioni pluriennali col fisco.

Il risultato della somma algebrica, non deve essere superiore al fatturato netto.


La Posizione finanziaria netta, comprensiva del saldo tra crediti dei debiti verso enti sportivi, e dei debiti tributari a lungo termine rateizzati è negativa per € 665,8 milioni; essendo superiore al fatturato netto, la posizione finanziaria netta non risulterebbe conforme al Regolamento UEFA del Financial Fair Play.

Per quanto riguarda le disponibilità liquide, il club mostra liquidità disponibile per 60,4 milioni di euro, con debiti finanziari pari a € 532,6 milioni.

L’aumento dell’indebitamento finanziario netto è dipeso dal perdurare della pandemia COVID che ha determinato la necessità di reperire liquidità attraverso l’emissione di prestiti obbligazionari.

Obbligazioni e altri titoli negoziabili

Il 28 agosto 2018, il Club ha emesso “Senior Notes” per un importo di € 90 milioni, con scadenza il 28 agosto 2023, che maturano un tasso di interesse fisso inferiore al 2%. Queste “Senior Notes” sono state acquisite da una compagnia assicurativa statunitense. Al 30 giugno 2021, il costo ammortizzato per il quale è registrato il suddetto debito ammonta a 89,4 milioni di euro.

Inoltre, il 28 agosto 2018, il Club ha provveduto all’emissione di altre “Senior Notes” per un importo di 50 milioni, con scadenza il 28 agosto 2023, che maturano un tasso di interesse fisso inferiore al 2% annuo. Tale seconda emissione è stata sottoscritta da un'altra compagnia assicurativa americana. Al 30 giugno 2021, il costo ammortizzato per il quale è registrato il suddetto debito ammonta a 49,6 milioni di euro.

Il 16 maggio 2019, il Club ha provveduto ad una terza emissione di “Senior Notes” per un importo di € 29,8 milioni, con scadenza il 23 maggio 2024, che matura un tasso di interesse fisso inferiore al 2,50% all'anno. La terza emissione è stata sottoscritta da una compagnia assicurativa francese.

Al 30 giugno 2021, il costo ammortizzato per il quale è registrato il suddetto debito ammonta a 29,8 milioni di euro.

Infine, il 16 maggio 2019, il Club ha provveduto ad una quarta emissione di “Senior Notes” per un importo di € 30 milioni, con scadenza 23 maggio 2024, che matura un tasso di interesse fisso inferiore al 2,50% all'anno. La quarta emissione è stata sottoscritta da una società di gestione patrimoniale francese. Al 30 giugno 2021, il costo ammortizzato per il quale è registrato il suddetto debito è pari a 29,8 milioni di euro.

Al 30 giugno 2021 gli interessi maturati in attesa del pagamento delle “Senior Notes” ammontano a € 4,6 milioni (€ 2,5 milioni al 30 giugno 2020).

L'indebitamento riguardante le “Senior Notes” comporta il rispetto di una serie di parametri semestrali e annuali, calcolati sui conti annuali consolidati del Club e, le società controllate FCBarcelona HK Limited, FCB North America LLC e Barça Licensing & Merchandising, S.L.U. risultano garanti del debito.

Per quanto riguarda l’EBITDA, nel bilancio è riportato un valore negativo pari a € 60.253.000.

I crediti verso Enti sportivi ammontano complessivamente a € 27,6 milioni di cui € 12.452.000 a breve termine. Tra gli importi rilevanti risultano: Olympique Gymnaste Club de Nice (Todibo) per € 8.197.000; U.D. Almería (Sergio Akieme) per € 4.152.000; U.D. Almería (Sergio Akieme) per € 4.081.000 e Olympique de Marseille (Konrad de la Fuente) per € 2.897.000.

I debiti verso Enti sportivi risultano pari a € 231,9 milioni (€ 322,9 milioni nel 2019/20), di cui € 115.742 .000 a breve. Il Barcellona risulta indebitato principalmente con Liverpool Football Club (Coutinho) per € 42.632.000; A.F.C. Ajax (Frenkie De Jong) per € 48.034.000; Valencia C.F. (Neto) per € 15.000.000; FC Girondins de Bordeaux (Malcom Oliveira) per € 10.114.000; Grêmio Foot-Ball Porto Alegrense (Arthur Melo) per € 14.681.000; Juventus, F.C. (Miralem Pjanic) per €  51.300.000; Juventus, F.C. (Matheus Pereira) per € 3.864.000; Club Atlético Mineiro (Emerson) per € 8.766.000; Sporting Clube de Braga (Trincao) per € 10.000.000.

Negli esercizi precedenti, in assenza di Pandemia COVID, il fatturato rilevante, che era comprensivo degli incassi da botteghino per la presenza degli spettatori, era un elemento importante per giudicare la sostenibilità dell’indebitamento netto ai fini del Fair Play Finanziario dell’UEFA, il Barcellona non presentava problemi. Il fatturato netto 2020/21 risulta inferiore all’indebitamento netto essendo pari a 590,17 milioni di Euro. Il Preventivo 2021/22 riporta ricavi al netto delle plusvalenze di Euro 685 milioni.

Non figurano debiti fiscali e previdenziali non correnti da aggiungere; pertanto, il net debt ai fini del Fair Play Finanziario risulta superiore al fatturato netto (€ 590,17 milioni) ed è conforme a quanto auspicato dal regolamento.

Il nuovo regolamento del Fair Play Finanziario ha introdotto la nozione di “Relevant Debt”. La nozione di debito rilevante (“Relevant Debt”) corrisponde alla nozione di “Net Debt” meno l'importo del debito direttamente attribuibile alla costruzione e/o alla modifica sostanziale dello stadio e/o alle strutture di formazione dall'inizio del debito fino a 25 anni dopo la data in cui il debito l'attività è dichiarata pronta per l'uso. Il “Relevant Debt” non deve essere superiore congiuntamente a due limiti: € 30 milioni e a 7 volte la media della differenza tra valore e costi della produzione.

Nel caso del Barcellona, al 30.06.2021, figurerebbero Debiti per lavori del progetto “Espai Barca” stimabili in € 122 milioni, che dovrebbero essere considerati, ai fini della loro esclusione, nella nozione di “Relevant Debt”. Anche se si dovrebbe approfondire se si potesse escludere tutto il debito per emissioni obbligazionarie, pari ad Euro 203.190.000, poiché pare fosse destinato a finanziare il progetto del nuovo Camp Nou, il nuovo “Palau Blaugrana” e il nuovo “Espai Barca”. In tal caso il “Relevant Debt” diminuirebbe a Euro 462 milioni circa.

In base alla definizione della LFP, gli amministratori hanno scritto che, al 30 giugno 2021, l'indebitamento finanziario netto a livello consolidato è pari a € 682.694.000 (€ 488.367.000 nel 2019/20). Il rapporto tra indebitamento finanziario netto (682,69 milioni) ed EBITDA (-€ 60.253.000) è pari a -11,33.

L’EBITDA risente in modo significativo del calo dei ricavi.

Se non si considerasse il debito per gli investimenti in immobili, impianti e macchinari “accumulati” da ‘Espai Barça’, pari a circa 121.874.000 milioni di Euro, come previsto dall'articolo 67 dello Statuto del Club, il debito netto sarebbe di € 560.820.000 (€ 379.089.000 nel 2019/20),

I Debiti verso il personale.

Il debito complessivo verso il personale ammonta a € 240,45 milioni e finanzia il 23,32% dell’attivo.

I debiti verso il personale sportivo ammontano complessivamente a € 238,18 milioni (€ 198,63 milioni nel 2019/20) e finanziano il 23,1% dell’attivo. 

Da notare che il debito verso il personale sportivo a lungo termine ammonta a € 93,76 milioni (€ 30,49; € 34,48 milioni nel 2018/19) e comprende le liquidazioni di fine rapporto.

Il debito verso il personale sportivo corrente rappresenta circa il 54,9% del costo del personale sportivo, il che significa che gli stipendi riguardano quasi 6,5 mensilità.

Di contro, bisogna anche evidenziare che i saldi relativi ai crediti verso il personale sportivo a lungo termine e a breve termine, pari complessivamente a € 65.914.000 (€ 112.201.000 nel 2019/20), includono, principalmente, i premi per la sottoscrizione dei contratti (bonus firma) per un importo di € 43.326.000 e di 22.588.000, rispettivamente (€ 58.083.000 e di 54.118.000 al 30.06.2020; € 64.233.000 ed € 67.922.000 al 30 giugno 2019). Fungerebbero come una specie di risconti attivi.

Debiti verso il Fisco e controversie giudiziarie.

Da evidenziare che i debiti tributari per ritenute sul reddito delle persone fisiche ammontano a € 40.365.000 (€ 49.291.000 nel 2019/20). Tali debiti “finanziano” il 3,92% dell’attivo e costituiscono l’importo maggiore dei debiti erariali, che ammontano a € 46.958.000 (€ 55.190.000 nel 2019/20).

Nella sostanza circa il 6,12% dell’attivo è finanziato dal debito verso il personale e dal debito verso l’erario per ritenute da versare.

I fondi rischi accantonati a lungo termine ammontano ad Euro 101.491.000, risultano aumentati, riguardano accantonamenti per imposte per € 77.591.000 e altre responsabilità per € 29.240.000.

L’aumento dipende dall’accantonamento effettuato nel 2020/21 per imposte pari a circa € 52.809.000.

Controversie legali.

Esistono numerose controversie legali.

Nel luglio 2021, la controversia con Neymar si è conclusa con una transazione. Entrambe le parti hanno messo fine a tutte le controversie in materia di lavoro e civili esistenti.

Per quanto riguarda la controversia con la Commissione Europea su un possibile trattamento preferenziale in relazione all'imposta sulle società a quattro società sportive spagnole, in data 4 marzo 2021 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha emesso una sentenza sfavorevole per il Club, annullando la sentenza del Tribunale dell'Unione Europea che aveva inizialmente accolto il ricorso del Club. Il Club ha provveduto alle somme necessarie per far fronte alle conseguenze finanziarie di questa sentenza.

Nel 2015 una denuncia del fondo brasiliano DIS-Esportes e Organização de Eventos LTDA (Caso Neymar II), ha generato una causa, basata sulla presunta simulazione contrattuale originata dai contratti sottoscritti dal Club nell'ingaggio del giocatore Neymar da Silva Santos Jr., che continua dopo numerosi ricorsi presentati dalle parti, il rischio derivante dalla futura causa è stato stimato come basso, e pertanto il Gruppo non ha effettuato alcun accantonamento.

Altra controversia in corso è quella con la società Muro Cortina Modular Renting, S.A. .Il Consiglio di Amministrazione ei consulenti legali del Club ritengono che il rischio derivante da questo processo sia basso.

In data 21 aprile 2020, un gruppo di soci del Club ha presentato una denuncia al tribunale, diretta in modo generico contro gli amministratori o dirigenti del Club precedenti. Il Consiglio di Amministrazione attuale e i legali del Club ritengono che non sussista alcun rischio per il Club, data la sua condizione di parte lesa.

Il Rendiconto Finanziario

Le disponibilità liquide diminuiscono di € 101,8 milioni, a causa di un flusso negativo generato dall’attività operativa per € 132,1 milioni, del flusso negativogenerato dall’attività di investimento per € 20,17 milioni e dal flusso positivo generato dall’attività di finanziamento per e 50,5 milioni.

In particolare occorre evidenziare che gli investimenti nell’acquisto dei giocatori hanno determinato un deflusso di cassa pari a € 183.170.000; mentre i disinvestimenti in giocatori hanno determinato un afflusso di per € 180.140.000.

L’indebitamento finanziario ha determinato un afflusso di liquidità per € 107.312.000.

I Ricavi.

Il prolungamento della stagione sportiva 2019/20, ha determinato lo spostamento dei ricavi correlati allo svolgimento delle prestazioni sportive, disputatesi tra luglio e agosto 2020, all’esercizio 2020/21.

Dopo il 30 giugno 2020, il Barcellona ha disputato nel mese di luglio 2020, due partite casalinghe della Liga 2020/2120 precisamente: l’8 Luglio 2020, Barcelona – Espanyol (1-0) e il 16 Luglio 2020, Barcelona – Osasuna (1-2).

Secondo la riclassificazione operata dagli Amministratori, i componenti positivi di reddito (comprese le plusvalenze, esclusi solo i proventi finanziari, diminuiscono da € 855 milioni a € 631 milioni e registrano un decremento del 26%. Il bilancio preventivo 2020/21 prevedeva ricavi lordi per 828 milioni di Euro. I componenti positivi di reddito, in base alla riclassificazione operata dagli Amministratori, al netto delle plusvalenze, risultano pari a € 587 milioni (760 milioni nel 2019/20).

Secondo la riclassificazione operata dagli Amministratori, i ricavi da stadio unitamente ai ricavi rinvenienti dalle quote sociali ammontano complessivamente a circa € 25 milioni (€ 162 milioni, nel 2019/20) e sono diminuiti dell’ 84%.

Ovviamente il Covid-19 ha esercitato un impatto devastante sui ricavi da stadio, a causa dello svolgimento delle competizioni a porte chiuse. I ricavi da biglietteria sono diminuiti a € 8.131.000 da € 80.891.000 del 2019/20. Il botteghino del Camp Nou per la Liga della prima squadra di calcio, ha determinato ricavi pari a circa mille euro (€ 34.513.000 nel 2019/20). I ricavi da Hospitaliy al Camp Nou per la prima squadra di calcio sono stati pari a 323.000 Euro (€15.581.000 nel 2019/20; € 21.885.000 nel 2018/19).

Per la competizione UEFA Champions League della prima squadra di calcio sono stati pari a € zero (€8.683.000 nel 2019/20). Per le altre competizioni della prima squadra di calcio l’incasso da botteghino è stato di € 7.400.000 (€ 7.238.000 nel 2019/20). Per le gare amichevoli della prima squadra di calcio l’incasso è stato di € zero (€ 12.185.000 nel 2019/20). Gli abbonamenti e i Ricavi da quote sociali risultano pari a € 15.532.000 (€ 55.200.000 nel 2019/20).

I ricavi da “media” sono pari a € 281.431.000 (€ 248.489.000 nel 2019/20), di cui € 7.932.000 riguardanti le altre sezioni sportive diverse dalla prima squadra di calcio, e segnano un incremento del 13,25%. I ricavi da “media” della prima squadra di calcio ammontano a € 273.499.000 (€ 241.953.000 nel 2019/20). La variazione è dipesa dallo spostamento dei ricavi relativi alle partite casalinghe e delle competizioni europee disputate a Luglio e Agosto 2020, della stagione sportiva 2019/20 all’esercizio 2020/21.

I ricavi commerciali riportati nel conto economico per tutte le sezioni ammontano a circa € 270.299.000, di cui 215.669.000 per la prima squadra di calcio.

Nel 2019/20 erano pari a circa € 323.237.000. Nel 2018/19 erano pari a circa € 363.331.000.

La composizione dei ricavi commerciali è la seguente: ricavi pubblicitari e di commercializzazione € 60.532.000 (€ 122.125.000 nel 2019/20), di cui € 22.383.000 (€ 33.289.000 nel 2019/20) per la prima squadra di calcio ed € 24.304.000(€ 44.552.000 nel 2019/20)  da Barça Licensing & Merchandising; Sponsorizzazioni € 209.512.000 (€ 200.923.000 nel 2019/20), di cui € 193.286.000 (195.809.000 nel 2019/20)  per la prima squadra di calcio; Altri ricavi commerciali € 255.000 (€ 189.000 nel 2019/20), di cui € zero (€ 35.000 nel 2019/20) per la prima squadra di calcio.

La gestione diretta dei negozi attraverso la società controllata Barça Licensing & Merchandising, S.L. ha generato ricavi per € 24.304.000 (€ 44.552.000 nel 2019/20). Nel 2017-18, il reddito del Club derivante dalla partecipazione al risultato della società della Nike, che deteneva lo sfruttamento commerciale, era di € 13.186.000.

Secondo la riclassificazione sintetica operata dagli Amministratori, i ricavi commerciali 2020/21 ammontano complessivamente a € 268 milioni (€ 297 milioni nel 2019/20) ed hanno registrato un decremento percentuale del 10%. La variazione principale è causata dai proventi di Barça Licensing & Merchandising, SL, la società controllata al 100% dal Club che gestisce lo sfruttamento del merchandising, che a causa della pandemia Covid-19 ha dimezzato le entrate.

In effetti, il calo di 52,93 milioni di euro (16,38%) dei ricavi commerciali, risultanti dal Conto Economico, è stato determinato, come nel 2019/20, principalmente da una diminuzione dei ricavi del merchandising e dei tour dello stadio dovuta alle restrizioni per il COVID-19, che impediscono le visite allo stadio. In effetti i ricavi da commercializzazione sono diminuiti ricavi da sponsorizzazione sono aumentati lievemente.

Secondo la riclassificazione operata dagli Amministratori, gli altri ricavi, comprese le plusvalenze, ammontano a circa 56 milioni, mentre nel 2019/20 ammontavano a 148 milioni, di cui € 44 milioni per “Traspasos y Cesiones” (€ 95 milioni nel 2019/20).

In particolare, risulterebbero plusvalenze per cessioni di immobilizzazioni immateriali sportive per € 34.212.000 (€ 79.528.000 nel 2019/20), di cui € 28.813.000 (€ 50.687.000 nel 2019/20) riguardano la prima squadra di calcio ed € 28.811.000 la sezione “Fútbol Base”.

I Costi.

I costi complessivi aumentano di 181 milioni di Euro da € 955 milioni a € 1,13 miliardi. L’incremento registrato è stato del 19%.

Il costo del personale complessivo, risultante dal conto economico, ammonta ad Euro 489.590.000. Nel 2019/20 era pari ad € 487,12 milioni. L’incremento è stato dello 0,51% pari a 2,47 milioni di Euro.

Il rapporto tra costo del personale e fatturato netto è dell’83%.

Gli ammortamenti complessivi registrano un decremento e sono pari a € 174.844.000. Occorre evidenziare che, per quanto riguarda il 2019/20 gli ammortamenti ammontavano a € 192.032.000.

L’ammortamento dei diritti sui giocatori ammonta a € 155.362.000, di cui Euro (147.894.000 per ammortamento calciatori prima squadra (168.671.000 nel 2019/20). Per quanto riguarda il 2019/20, gli ammortamenti dei giocatori ammontavano a € 174.020.000.

Gli altri ammortamenti sono pari a € 19.482.000; nel 2019/20 erano pari a € 18.012.000

IL COSTO DEL FATTORE LAVORO

In base ai calcoli degli amministratori la ‘masa salarial deportiva’, ossia il costo del personale sportivo sezione calcio, comprensivo dei diritti di immagine e delle commissioni degli agenti, oltre che degli ammortamenti, è pari a € 617 milioni (€ 636 milioni nel 2019/20) e incide sui ricavi complessivi al lordo delle plusvalenze per il 98%. Ne 2020/21 la ‘masa salarial deportiva’ diminuisce del 3%.

Il costo del personale della sezione calcio senza considerare gli ammortamenti, che è pari a € 345.481.000 (€ 363.392.000 nel 2019/20) e incide per il 33% sui ricavi rilevanti complessivi (criterio LFP) pari a € 1.046.536.000, comprensivi di plusvalenze.

I costi per servizi, comprensivi di diritti d'immagine di giocatori e allenatori e dei costi relativi agli agenti ammontano a € 106.044.000 (€ 125.916.000 nel 2019/20). I diritti di immagine, inclusi nei costi per servizi, risultano pari a 22.113.000 (€ 25.612.000 nel 2019/20), di cui Euro 21.099.000 (€25.153.000 nel 2019/20) per la sezione Calcio. In genere per quanto riguarda i giocatori che trasferiscono al club i diritti di gestione delle immagini, il Club paga un massimo del 15% della retribuzione complessiva del giocatore.

Durante il 2020/21, il Club ha registrato un esborso, al lordo delle imposte, di € 30.000 a titolo di compensi per agenti sportivi (€ 624.000del 2019/20; € 557.000 nel 2018/19; € 2.607.000 nel 2017/18; € 8.699.000 nel 2016/17).

La gestione finanziaria è negativa per € 50.362.000 (-€ 28.226.000 nel 2019/20) a causa soprattutto di oneri finanziari per € 41.863.000 (€ 29.515.000 nel 2019/20).

Il risultato prima delle imposte, derivante da un Ebit negativo per € 504.999.000 e una gestione finanziaria negativa per € 50.362.000, è negativo per € 555.361.000.

Il risultato d’esercizio al netto delle imposte è negativo per € 481.318.000.

Il Barcellona e il Fair Play Finanziario.

Il bilancio 2020/21 dovrà essere valutato insieme al bilancio 2019/20, a causa della Pandemia Covid-19.

Nel calcolo dovrà essere considerato l'impatto finanziario negativo del COVID-19, definito come la perdita di ricavi dovuta alla differenza tra i ricavi medi rilevati negli esercizi 2020/2120 e 2020/2021 e i corrispondenti ricavi medi attesi previsti per gli stessi periodi, che come minimo dovranno essere uguali a quelli del periodo di monitoraggio chiuso nel 2019, anche considerando eventuali aumenti contrattuali.

Per quanto riguarda il requisito del “Break-Even” il risultato prima delle imposte 2020/21, dovrà essere valutato unitamente a quello del 2019/20. La somma algebrica del risultato prima delle imposte 2020/21 con il risultato prima delle imposte 2019/20, quello del 2018/19 e quello del 2017/18 è negativa per Euro 659.678.000. In chiave Fair Play Finanziario, si dovrà depurare il risultato della Polisportiva dai risultati delle altre sezioni sportive, per valutare solo la sezione calcio. Tale sommatoria migliorerebbe il risultato, oltre al fatto che non si dovrebbero considerare gli ammortamenti relativi alle infrastrutture sportive e i costi del settore giovanile.

Per gli amministratori permane la necessità di porre la massima attenzione al contenimento dei costi.

Il Budget 2021/22

Il “presupuesto 2021/22” prevede ricavi lordi per circa 765 milioni di Euro; costi per circa 784 milioni di Euro, con un risultato operativo negativo per 19 milioni di Euro; un EBITDA positivo per € 98 milioni e un risultato al netto delle imposte positivo per € 5.080.000.

Sono previste plusvalenze per € 47.048.000, di cui Euro 29.671.000 per la sezione calcio.

Sono previste minusvalenze per € 1.076.000, tutte riguardanti la sezione calcio.

Il Barcellona ha previsto di ridurre il costo del personale sportivo, principalmente attraverso la il mancato rinnovo contrattuale di Messi. Di fatto, è previsto che gli stipendi sportivi diminuiscano da € 434,4 milioni a € 369,4. Inoltre, il Club ha programmato uno sforzo significativo nella riduzione della “masa salarial deportiva” (-24%).

Il Fair Play Finanziario Spagnolo.

In base a quanto emerge dai dati del bilancio 2020/21, il Barcellona non è conforme a quanto stabilito dal Regolamento di Controllo Economico della LFP.

a) Punto di equilibrio (Indicador del Punto de Equilibrio)

Il Punto di Equilibrio richiesto dal Regolamento di Controllo Economico della LFP è sostanzialmente uguale al breakeven richiesto dall’UEFA. La differenza tra ricavi rilevanti e costi rileva degli esercizi relativi al triennio 2018/19-2020/21 deve essere in pareggio.

Il Barcellona non rispetta quanto stabilito dall’indicatore, in quanto il punto di equilibrio per gli esercizi 2020/21, 2019/20 e 2017/18 è negativo per € 386.696.000.

Nello specifico nel 2020/21 sono stati conseguiti ricavi rilevanti per € 1.046.536.000 (€ 818.400.000 nel 2019/20; € 954.544.000 nel 2018/19 e € 881.714.000 nel 2017/18) e registrati costi rilevanti per € 605.423.000 (€ 871.874.000 nel 2019/20; € 846.653.000 nel 2018/19 e € 778.245.000 nel 2017/18).

b) Costi della prima squadra

L’indicatore del costo del personale della prima squadra di calcio fornisce informazioni sull’esistenza di una possibile situazione di squilibrio economico finanziario futuro, quando supera il 70% dei ricavi rilevanti. Dove per ricavi rilevanti si intendono: il volume d’affari netto, gli altri ricavi e il risultato netto relativo alle le cessioni dei calciatori. Quindi, in base a tale indicatore, il costo del personale della prima squadra pari a € 366.064.000 (€ 386.648.000 nel 2019/20 e € 458.752.000 nel 2018/19) non deve superare il 70% dei ricavi rilevanti, pari a € 605.423.000 (€ 818.400.000 nel 2019/20). Per il Barcellona, tale indice risulta conforme al Regolamento perché è pari al 60% (47% nel 2019/20). A differenza di quanto stabilito dal Regolamento UEFA, il Regolamento Spagnolo sembra più “elastico”, considerando anche le plusvalenze.

c) L’indice dell’indebitamento netto (Ratio de deuda neta sobre ingresos relevantes)

La norma stabilisce che il rapporto tra il totale del Debito Netto e i Ricavi rilevanti non deve essere superiore a 100%, altrimenti si configurerebbe una situazione di squilibrio economico e finanziario.

Per indebitamento netto si intende i debiti finanziari a lungo termine e i debiti a breve temine diminuiti dei crediti per la cessione di calciatori e delle disponibilità liquide, compresi gli investimenti finanziari a breve termine.

Tra i debiti finanziari non si considerano gli accantonamenti, i debiti di natura commerciale e i ratei e risconti passivi. Invece, si considerando i debiti per l’acquisto di immobilizzazioni, i debiti per l’acquisto di calciatori e i debiti bancari.

Pertanto, al 30 giugno 2021, il risultato dell’Indebitamento Netto è negativo per € 682.694.000 (€ 488.367.000 nel 2019/20; € 217.204.000 nel 2018/19; € 157.449.000 nel 2017/18) e il rapporto tra Indebitamento Netto, e Ricavi Rilevanti non è conforme perché pari a 112,8%, maggiore del limite massimo del 100%; mentre, al 30 giugno 2020 era 59,7%, inferiore al limite massimo del 100%.

Rapporto tra debito netto e reddito rilevante

Come definito nei regolamenti, sarà indicativo di una possibile situazione di squilibrio finanziario quando il debito netto al 30 giugno di ogni stagione sportiva supera il 100% del relativo reddito dell'entità.

Secondo la normativa, l'importo dell'indebitamento netto corrisponde alla somma del debito netto di trasferimento (cioè al netto dei crediti e debiti per trasferimenti di giocatori), degli importi in sospeso derivanti da finanziamenti ricevuti da istituzioni finanziarie, parti correlate o terzi, dei pagamenti anticipati da maturare in un periodo superiore a 1 anno e dei debiti con i fornitori di immobilizzazioni meno la cassa, le disponibilità liquide e gli investimenti finanziari a breve termine. Il debito netto non include debiti commerciali e altri debiti.

Conclusioni.

Il perdurare della Pandemia COVID-19 anche nel 2020/21, ha continuato a costringere il Barcellona a far ricorso alla leva del debito per far fronte al fabbisogno di liquidità.

Nel 2020/21, il Covid-19 ha causato il calo molto significativo dei ricavi, ed ha penalizzato soprattutto gli introiti da competizioni (biglietterie e hospitality), marketing (merchandising, museo e altro) e abbonamenti, inoltre si è verificata una sensibile diminuzione dei ricavi per trasferimenti dei calciatori tra società. La riduzione dei ricavi non è stata compensata da un'analoga diminuzione dei costi, in particolare quelle corrispondenti al costo del personale della prima squadra di calcio. Per il ritorno alla normalità, si prevede di tornare al livello di reddito dell'anno fiscale 2018/19 (ultima stagione prima del Covid-19).

Lo svolgimento delle gare a porte chiuse, di fatto ha privato il Barcellona di una importante fonte di ricavo.

Indubbiamente il calo di fatturato, ha costretto a rinunciare ai calciatori con gli ingaggi elevati, costringendo alla decisione di non rinnovare il contratto a Messi. Per il 2021/22, il Club ha programmato uno sforzo significativo nella riduzione della “masa salarial deportiva” (-24%).